Giugno - Donazione del mese- Mozambico

Giugno - Donazione del mese- Mozambico

 

LA STORIA DI CANTOL

In Mozambico, come altrove, le condizioni di vita delle persone con disabilità sono molto più precarie rispetto al resto della popolazione. Secondo i dati dell’ultimo censimento (2007) circa mezzo milione di persone ha una disabilità, il 2,3% della popolazione totale. Un terzo fin dalla nascita, un altro terzo circa a causa di amputazioni soprattutto come conseguenza della guerra.

La donazione del mese vede Cantol, disabile e promotore grazie ad Aifo di un'associazione per disabili.  

Cantol ad un anno e mezzo di età è stato colpito dalla poliomielite. Non riuscendo a camminare e non avendo possibilità di farsi curare si è appoggiato alla madre che grazie alla sua tenacia è riuscita a far accettare il figlio all’ospedale riuscendo a recuperare parzialmente l’uso delle gambe. Divenuto presidente di Adjodemo e co-fondatore di un'associazione di persone con disabilità, FAMOD, grazie ad Aifo è impegnato, con altre persone, per la promozione di una società inclusiva per le persone e i bambini con disabilità (Niente per noi, senzadi noi). 


IL PROGETTO

Il progetto “Niente per noi, senza di noi. Promozione di una società inclusiva per le persone e i bambini con disabilità in Mozambico” è condotto da Aifo con il contributo di Unicef. Nella sua prima fase mira principalmente a rafforzare le organizzazioni delle persone con disabilità, condizione indispensabile per favorire l’inserimento diqueste persone nella società, per promuovere i loro diritti e il loro benessere. Per ottenere questo risultato è necessario sensibilizzare e coinvolgere le persone con disabilità. Tenuto conto delle caratteristiche del paese, il mezzo più adatto per questa sensibilizzazione sono le radio comunitarie, che hanno una discreta diffusione nel paese e che vedono molti giovani coinvolti. La prima fase si concentra nel distretto della capitale Maputo, in alcuni quartieri dove le radio comunitarie sono presenti e popolari, così da garantire un buon ascolto e impatto. Naturalmente nella programmazione e definizione dei programmi radiofonici le persone con disabilità hanno un ruolo da protagonisti per sensibilizzare la popolazione sui loro diritti e le loro esigenze. Alle trasmissioni partecipano anche bambini e adolescenti perché possano testimoniare le loro esperienze.

Cantol: "Stiamo formando giovani per diffondere una nuova sensibilità nei confronti delle persone con disabilità, per permettere di associarsi e di rafforzare le loro organizzazioni. È un po’ come ripetere la mia storia".

 


PARTECIPA ANCHE TU. DONA ORA

Ecco come puoi contribuire:

  • Formazione del personale di un'organizzazione di persone con disabilità: 90 €
  • Formazione di un giovane alla programmazione radiofonica: 50 €
  • Preparazione di un programma radiofonico sulla disabilità: 40 €


COME FARE LA TUA DONAZIONE

• Bollettino postale n. 7484 intestato a: AIFO - Onlus, Bologna
• Conto Banca Popolare Etica, IBAN: IT 89 B 05018 02400000000 505050
• Carta di credito: telefona al n. verde Aifo, oppure su www.aifo.it, clicca:

DONA ONLINE

• Pagamento periodico bancario SEPA SDD (ex RID) richiedi il modulo al n. verde Aifo
 

Le donazioni con queste modalità (non in contanti) sono fiscalmente deducibili!

Numero verde Aifo: 800 550303

Gallery