Raoul Follereau

Raoul Follereau

Raoul Follereau, giornalista francese (Nevers 1903- Parigi 1977), ha ispirato AIFO e molte altre associazioni Follereau, soprattutto in Europa e Africa. La sua figura è tutt’oggi fortemente attuale, come rileva anche Raffaele Masto nella postfazione dell’ultimo libro su Follereau edito in Italia nel 2010: “Ha trasformato la sua battaglia - vincente - a favore di una categoria di ammalati in un appello costante a rivoluzionare i criteri su cui poggia la nostra vita … mantenne sempre inscindibilmente legate l’azione, la spinta ideale e, non roul follereauultimo, la ricerca delle cause dell’ingiustizia e la denuncia delle stesse… ebbe sempre l’accortezza di non parlare solo della malattia in sé, ma delle 'lebbre', quindi dell’ingiustizia, della povertà, della distribuzione diseguale delle ricchezze, del sistema appunto.”

Raoul Follereau nel 1936 viene inviato dal suo giornale in Africa dove incontra per la prima volta i malati di lebbra. Scopre, attraverso di loro, il mondo della povertà e del pregiudizio sociale nei confronti della lebbra che condanna i malati alla solitudine e all’emarginazione. Da quel momento dedica la sua vita alla lotta contro la lebbra e contro tutte “le lebbre”. Compie 32 volte il giro del mondo, lavorando instancabilmente per migliorare la qualità della vita delle persone colpite dalla malattia.
Raoul Follereau ci insegna che “amare è vivere”, che “amare non è donare ma condividere”, che amare è agire; alimenta la forza e la passione del nostro amore politico nonviolento, della nostra lotta, anche personale, contro le “lebbre” dell’indifferenza e dell’egoismo.
 

Contents