immagine di copertina con bambini con sciarpe che guardano in camera. Foto in bianco e nero di Marcello Carrozzo

67° GML: Da 60 anni uniamo il mondo

La lebbra e tutte le malattie tropicali dimenticate sono curabili. Lavoriamo per curarle, per eliminare discriminazione e pregiudizio, per restituire dignità e diritti. Con i 46 progetti AIFO del 2018, 138.479 persone hanno beneficiato delle attività di controllo ed eliminazione della lebbra integrate nei servizi di sanità di base.Tutto questo grazie anche al vostro aiuto.

26 Gennaio 2020: AIFO in tutte le piazze d'Italia

Perché la lebbra esiste ancora?

La lebbra oggi è una malattia curabile, ma nelle aree più povere del mondo il morbo continua a colpire molte persone. Le cause principali continuano ad essere l’assenza di strutture sanitarie, la mancanza di igiene e di alimentazione adeguata. Inoltre le disabilità e lo stigma nei confronti della malattia sono ancora causa di isolamento ed emarginazione delle persone colpite. Scopri il modello strategico AIFO nell’intervista a Giovanni Gazzoli, medico incaricato dei progetti esteri AIFO.

Cosa fa AIFO per i malati di lebbra o di malattie tropicali dimenticate?

AIFO opera non solo per curare le persone colpite dal morbo, ma anche per la prevenzione, la riabilitazione delle persone che in seguito alla malattia presentano disabilità e per il loro reinserimento ed inclusione sociale.

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI DI CALCIO

Anche quest’anno l’AIAC con tutti i suoi associati, sostiene AIFO nella 67° Gionata Mondiale dei Malati di Lebbra. Sotto l’alto patrocinio del presidente della Repubblica.

In tutti gli stadi di serie A verranno esposti striscioni e svolte iniziative di sensibilizzazione e informazione sulla lotta alla lebbra e sui progetti socio sanitari sostenuti da AIFO nei paesi in via di sviluppo.

Gian Piero Gasperini, allenatore della Atalanta, per AIFO.

COME FARE LA TUA DONAZIONE

Ecco alcune azioni possibili:

  • Cure per un malato di lebbra 130€
  • Formazione del personale sanitario 60€
  • Sostegno alle attività di educazione e informazione sanitaria 50€

METODI PER LA DONAZIONE

  • Conto corrente postale n. 7484 intestato ad AIFO – Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau – Via Borselli, 4-6 40135 Bologna. Per versamenti sul conto postale con bonifico, codice IBAN: IT 52 D 07601 02400 0000 00007484
  • c/c bancario BANCA POPOLARE ETICA – Filiale di Bologna, codice IBAN: IT 38 P 05018 02400 0000 1441 1441
  • carta di credito American Express, Visa, MasterCard telefonando al n. verde AIFO 800 550303
  • RID – domiciliazione su c/c bancario o banco posta – richiedendo il modulo al n. verde AIFO 800 550303
  • Pagamento periodico bancario SEPA SDD (ex RID) richiedi il modulo al n. verde AIFO 800 550303
  • Sezione “Paga Online” su www.poste.it
Skip to content