ATTIVITÀ IN ITALIA E FORMAZIONE

Secondo le nostre finalità associative e i nostri obiettivi statutari, promuoviamo attività di educazione alla cittadinanza globale su tutto il territorio italiano con incontri, percorsi e programmi di formazione e aggiornamento rivolti soprattutto agli studenti e al personale docente della scuola. AIFO è un ente formativo accreditato dal M.I.U.R. (con decreto 10.7.2009 e adeguato alla Direttiva 170/2016). Tra le attività in Italia, oltre ovviamente alla Giornata Mondiale dei Malati di Lebbra, organizziamo:

CONCORSO SCOLASTICO

le condizioni di emergenza ci hanno costretto a far slittare la data di presentazione dei lavori della X edizione del Concorso Scolastico 2019/2020 al 26 ottobre 2020.

“Per troppo tempo gli uomini sono vissuti gli uni a fianco degli altri. Oggi sanno che devono vivere gli uni per gli altri” (Raoul Follereau). Provate ad immaginare allora una società diversa che si basi sui principi di solidarietà. Lo stesso Follereau, rivolgendosi ai giovani, sosteneva: “Il domani sarà come lo farete voi”. Voi come lo vorreste?

Copertina concorso scolastico AIFO anno 2020/2021

AIFO – Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau bandisce la XI edizione del Concorso scolastico per l’a.s. 2020/21. Il tema di quest’anno non poteva che guardare al futuro come lo ha sempre considerato Follereau: “Per troppo tempo gli uomini sono vissuti gli uni a fianco degli altri. Oggi sanno che devono vivere gli uni per gli altri” (Raoul Follereau).  Provate ad immaginare allora una società diversa che si basi sui principi di solidarietà. Lo stesso Follereau, rivolgendosi ai giovani, sosteneva: “Il domani sarà come lo farete voi”.

Il Concorso pone al centro della riflessione la solidarietà, una solidarietà che abbiamo visto, nei gesti concreti di tanti volontari, operatori sanitari e gente comune, durante i mesi dell’emergenza per la pandemia da Coronavirus. Dai canti alla finestra agli hashtag, alle iniziative per aiutare gli anziani, donare fondi per la ricerca e la realizzazione di nuovi posti letto, offrire supporto psicologico e sostegno a coloro per cui stare soli in casa era diventato un inferno, sono tante le iniziative che abbiamo visto e vissuto, in alcuni casi, in prima persona. In quei difficili momenti, è maturata la coscienza della solidarietà, del lottare per l’altro.

Il forzato isolamento ci ha fatto anche rendere conto che nessuno nell’era della globalizzazione può salvarsi davvero da solo in quanto parte inscindibile di una comunità. La nostra vita è profondamente connessa a quella degli altri, ancora di più nei grandi centri urbani, nelle zone ad alta densità e nelle metropoli.

 

Questo periodo difficile può rappresentare l’occasione per ripensare i nostri stili di vita, il nostro futuro per provare a capire meglio e rispondere alle sfide del nostro tempo. Questa edizione del Concorso scolastico, per proseguire il lavoro di AIFO a favore degli “ultimi” e coerentemente con il messaggio di amore e giustizia di Raoul Follereau pone al centro le seguenti tematiche:

– Ripensiamo alle nostre relazioni sociali, a viverle più profondamente e a prenderci cura degli “altri” vicini e lontani da noi (sostenibilità sociale).

– Ripensiamo i nostri modelli di consumo, per combattere gli sprechi, l’inquinamento e il riscaldamento globale (sostenibilità ambientale).

– Ripensiamo alla valenza universale del diritto alla salute. Il settore sanitario riveste un ruolo importantissimo come promotore di equità e accesso al benessere e troppo spesso chi ha meno opportunità ne viene escluso (sostenibilità istituzionale e dei servizi essenziali).

 

Queste tematiche sono strettamente collegate ai 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile i quali mirano a porre fine alla povertà, a lottare contro  le disuguaglianze, affrontare i cambiamenti climatici, a costruire società pacifiche, che rispettino i diritti umani.

Sustainable goal numero 1

Porre fine alla povertà in tutte le sue forme in tutto il mondo. Nonostante i notevoli progressi nella lotta contro la povertà a partire dal 1990, più di 800 milioni di persone, il 70% dei quali sono donne, vivono ancora in condizioni di estrema povertà. L’Agenda per lo sviluppo sostenibile si pone l’obiettivo di eliminare la povertà estrema entro il 2030. I poveri sono particolarmente vulnerabili alle crisi economiche e politiche, alle problematiche di biodiversità e degli ecosistemi, delle catastrofi naturali e della violenza.

Sustainable goal numero 4

Garantire un’istruzione di qualità inclusiva e paritaria e di promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti Questo obiettivo mira a garantire che tutti i bambini, gli adolescenti e gli adulti – soprattutto quelle più emarginate e vulnerabili – abbiano accesso all’istruzione e formazione adeguate alle loro esigenze e al contesto in cui vivono. Questo rende l’istruzione un fattore che contribuisce a rendere il mondo più sicuro, sostenibile e interdipendente.

Sustainable goal numero 10

Ridurre le disuguaglianze all’interno e tra i paesi Le disuguaglianze a livello globale sono enormi e presentano uno dei maggiori ostacoli allo sviluppo sostenibile e alla lotta contro la povertà. L’Obiettivo 10 mira a garantire le pari opportunità attraverso l’eliminazione delle leggi discriminatorie, le politiche e le pratiche, facilitando una più regolarizzata e sicura migrazione umana attraverso l’attuazione di adeguate politiche di migrazione. L’obiettivo prevede anche di dare una maggiore rappresentanza e una maggiore voce dei paesi in via di sviluppo nelle istituzioni internazionali.

Sustainable goal numero 16

Promuovere società pacifiche e inclusivi per lo sviluppo sostenibile, fornire l’accesso alla giustizia per tutti e costruire istituzioni efficaci, responsabili e inclusive a tutti i livelli. L’Obiettivo mira, entro il 2030, a promuovere società pacifiche e inclusive attraverso la riduzione di ogni forma di violenza, comprese la tortura e la lotta contro tutte le forme di criminalità organizzata. Inoltre prevede di ridurre in modo significativo corruzione e concussione, così come il commercio illegale delle armi. Per garantire che le società siano pacifiche e inclusive, l’Obiettivo 16 vuole promuovere istituzioni pubbliche inclusive e di garantire la parità di accesso alla giustizia.

ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DELLE SCUOLE

PROPOSTE PER LE SCUOLE

AIFO è un ente formativo accreditato dal M.I.U.R. (con decreto 10.7.2009 e adeguato alla Direttiva 170/2016). Propone molteplici attività nel campo scolastico rivolte agli studenti, agli insegnanti, alle famiglie e alle comunità e ai territori nei quali le scuole, di ogni ordine e grado, sono inserite in un’ottica dell’Educazione alla cittadinanza globale. I percorsi proposti sono flessibili e modulabili secondo l’età e le esigenze della singola classe.

proposta formativa 2019-2020
PROPOSTA DI FORMAZIONE DOCENTI 1

Il corso che proponiamo intende dare strumenti e metodologie per inserire, all’interno della programmazione didattica, la tematica dei diritti umani e, in particolare, il diritto alla salute con spunti di riflessione e confronto, impiegando diverse metodologie partecipative. Durante il corso verrà presentato il kit didattico “Alla Salute!”, come strumento che si può utilizzare nelle attività scolastiche ed extra-scolari. Sarà data particolare attenzione a come costruire una didattica efficace ed efficiente nell’era digitale, integrando i nuovi strumenti tecnologici nei processi didattici.

 

PROGRAMMA
1° Incontro (5 ore)
Esercitiamoci… con i diritti: metodologie interattive e partecipative per il gruppo classe

2° Incontro (4 ore)
Sperimentiamo il Kit didattico: costruire insieme un’unità didattica attraverso l’impiego del Kit

3° Incontro (facoltativo, 3 ore)
Se cambiamo noi, cambia il mondo? Incontro con il gruppo AIFO locale sui progetti di AIFO in Italia e all’estero e possibilità di collaborazione

 

METODOLOGIA
Attiva e dinamica, con interazioni e rimandi col gruppo, ispirata alla pedagogia popolare e al cooperative learning. Si utilizzeranno metodologie inclusive per la realizzazione di percorsi per persone con bisogni speciali

 

AZIONI
2 incontri per complessive 9,00 ore. Orario da concordare

 

STRUMENTI
Kit didattico; Letture; Video; Esercitazioni

PROPOSTA DI FORMAZIONE DOCENTI 2

Lo scopo del corso è quello di offrire strumenti teorici e metodologici per lavorare nelle scuole sul tema dell’inclusione della disabilità (diritti umani e sviluppo inclusivo in Italia e nel mondo). Durante il corso verranno presentati alcuni strumenti che possono essere utilizzati in classe.

 

CONTENUTI

I diritti umani e l’Agenda dello sviluppo 2030

Il concetto di disabilità, inclusione e la convenzione dei diritti delle persone con disabilità

Migrazioni e globalizzazione: comprendere i disequilibri e accogliere l’alterità

Doppia discriminazione

Presentazione degli strumenti elaborati da Aifo per promuovere l’inclusione a scuola

Sperimentiamo alcune metodologie partecipative da utilizzare nel lavoro in classe.

 

METODOLOGIA
Partecipativa non formale tra le quali il teatro, il laboratorio musicale, la Ludopedagogia, in modo da valorizzare l’interscambio tra docenti e la capacità di rinnovare e aggiornare le proprie competenze.

 

AZIONI
Cinque incontri di tre ore in presenza, due webinar (seminari on-line) e un incontro di valutazione finale.

 

STRUMENTI

Video

Mostra fotografica “Diritti accessibili”

Guida docenti

PROPOSTA DI FORMAZIONE DOCENTI 3

Il corso di aggiornamento docenti proposto nasce dal convincimento che l’arte, la creatività e l’arte espressiva possano facilitare la convivenza e relazioni inclusive a scuola. Si vuole offrire ai partecipanti un’occasione di espressione, ascolto e rielaborazione delle potenzialità dell’arte (tessile e espressiva/teatrale) come metafora della relazione e mezzo per consolidare le relazioni in gruppo, il dialogo, la fiducia, la cooperazione

 

CONTENUTI

Il teatro come mezzo di inclusione sociale. Potenzialità della comunicazione non verbale sperimentata attraverso stati energici, ritmo, gesto e espressività delle emozioni

Attraverso l’uso della metafora del telaio si vorrà rappresentare la creazione di legami interpersonali ed e di gruppo. Telati e tessiture: come sono fatti, come si costruiscono e come si possono usare per bambini di diversa età con atelier pratico di tessitura

Atelier pratico di sperimentazione artistica con metodologie creative/esperienziali e partecipative da utilizzare nel lavoro in classe

 

METODOLOGIA
Lavoro in cerchio (circle time) e partecipativa non formale: il teatro, l’atelier creativo esperienziale e il project work (approfondimento basato sul “fare” in prima persona) insieme il potenziamento delle capacità progettuali del gruppo di lavoro.
Si utilizzeranno i principi dell’arte terapia ecologica, disciplina che propone l’integrazione tra diversi linguaggi e canali di relazione.

 

AZIONI

Il corso sarà diversificato e i percorsi avranno durata ognuno di 4/5 ore totali:

Laboratorio sull’arte tessile per insegnanti ed educatori della scuola materna e primaria (classi 1°-2°-3°) e organizzato in 2 incontri di 2,00 ore

Laboratorio dedicato al teatro espressivo per docenti ed educatori di scuola primaria (4° – 5 ° classe) e secondaria di primo grado articolato in 2 incontri di 2 ore e mezza

 

STRUMENTI

Video e immagini;

Materiali artistici di base (tempere, acquerelli, matite colorate, carte colorate ecc.);

Materiale di riuso e riciclo

 

 

Dolcedo Scuola Primaria - gioco delle Frasi
Laboratorio manuale, foto di mani che lavorano tessuti
the world is home: corso di formazione

Le associazioni del Forum Cooperazione Internazionale del Comune di Rimini propongono all’interno del progetto di Educazione alla Cittadinanza Globale The World is Home, un corso di formazione docenti accreditato dal MIUR.

immagine di copertina THE WORLD IS HOME

Il corso è gratuito e sarà incentrato, così come gli interventi laboratoriali nelle scuole, sull’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, il programma d’azione sottoscritto nel settembre 2015 dai 193 Paesi membri dell’ONU che indica 17 Obiettivi da raggiungere entro il prossimo decennio. Tali Obiettivi – i cosiddetti OSS in italiano o SDGs in inglese – riguardano tutti i Paesi e tutti gli individui e vertono su un insieme di questioni importanti per lo sviluppo: la lotta alla povertà, l’eliminazione della fame e il contrasto al cambiamento climatico, solo per citarne alcuni.

Gli incontri sono 5 e si svolgeranno tra febbraio e marzo 2020, presso la Sala Marvelli della Provincia di Rimini, in via Dario Campana 64, dalle ore 14.30 alle ore 18.30, con il seguente calendario:

giovedì 13 febbraio 2020
L’Agenda 2030 e i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile
a cura di EducAid
Introduzione alle tematiche proprie dell’Agenda 2030, con particolare attenzione agli Obiettivi di
Sviluppo Sostenibile inerenti pace, migrazione, ambiente, lotta alla povertà e multiculturalità.

giovedì 20 febbraio 2020
Consumo responsabile e cittadinanza attiva: costruire una comunità sostenibile
a cura di Centro Studi Cooperazione Internazionale e Migrazioni ed ANOLF – Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere
Focus sul macrotema dei cambiamenti climatici e dell’iniqua distribuzione delle risorse per la promozione di una cultura di consumo responsabile e lo sviluppo di una comunità sostenibile ed anti-discriminatoria.

Obiettivi Sostenibili di riferimento: 10/11/12

giovedì 5 marzo 2020
Valorizzazione dell’economia circolare e a basso impatto ambientale
a cura di Associazione Pacha Mama
Presentazione di uno studio di impatto del commercio equo-solidale ed eco-compatibile sulle comunità locali, con ricaduta virtuosa sulla qualità della vita e sugli indicatori previsti dall’Agenda 2030.

Obiettivi Sostenibili di riferimento: 10/15

giovedì 19 marzo 2020
Conoscere la povertà e i servizi che la contrastano
a cura di Caritas Rimini
Analisi di aspetti salienti della povertà attraverso l’illustrazione di progetti concreti di solidarietà sociale e dei servizi offerti dalle strutture gestite dall’associazione.

Obiettivi Sostenibili di riferimento: 1

giovedì 26 marzo 2020
La non-violenza nell’ambiente scolastico
a cura di Consorzio Condividere Papa Giovanni XXIII
Illustrazione di metodologie volte a favorire una maggiore consapevolezza rispetto ai conflitti e alla loro gestione. Scambio di buone prassi attraverso il confronto attivo tra i partecipanti mediante tecniche tratte dal Teatro dell’Oppresso.

Obiettivi Sostenibili di riferimento: 4/10/16

Sustainable goal numero 1
Sustainable goal numero 4
Sustainable goal numero 10
Sustainable goal numero 11
Sustainable goal numero 12
Sustainable goal numero 15
Sustainable goal numero 16

L’iscrizione al corso è gratuita e può essere effettuata via email all’indirizzomichela.fabbri@educaid.it entro venerdì 7 febbraio p.v.
Per ogni ulteriore informazione si può fare riferimento allo stesso indirizzo di posta elettronica o al numero 348 4737918.

PROGETTO PACE

AIFO collabora dal 2015 con l’Unione Reno Galliera (che raggruppa 8 comuni della città metropolitana di Bologna) promuovendo azioni di educazione alla cittadinanza globale rivolti al mondo della scuola, ai giovani e alla cittadinanza sui temi dello sviluppo sostenibile inclusivo, dei diritti umani e della pace.

Il progetto Pace, partito a settembre 2018 e concluso nel giugno 2019, ha avuto al centro il tema dell’educazione alla pace e dell’inclusione sociale, la lotta contro le forme di razzismo e pregiudizi e ha creato reti di collaborazione tra la scuola, gli Enti Locali e il territorio. Il progetto ha ottenuto un finanziamento da parte della Regione Emilia-Romagna in virtù della propria qualità. Alcuni dei momenti principali sono stati la Partecipazione alla Marcia della Pace Perugia – Assisi, incontri con docenti ed educatori, mostre interattive contro i pregiudizi, incontri di formazione per ragazzi e la Festa della Pace.

PROGETTO COOPERARE PER INCLUDERE

AIFO organizza ogni anno, nei mesi estivi, una o più esperienze formative per giovani, adulti e famiglie in località marine o montane, lontano dal caos delle città, per offrire a soci e amici dell’associazione un’opportunità di crescita culturale, umana e relazionale. ll campo estivo è un’occasione per gruppi, famiglie e giovani per ritrovarsi insieme e confrontarsi sui grandi temi di attualità in un quadro di serenità e distensione. I campi sono sempre incentrati sulle tematiche della mondialità, dell’intercultura, della costruzione della pace e della giustizia, con approfondimenti sugli interventi dell’AIFO nel mondo, sulla sua mission e sulla sua filosofia di azione. Tutti i campi sono condotti in autogestione e richiedono spirito di adattamento e disponibilità alla condivisione della vita in comune. I momenti formativi si alternano con momenti di svago e con gite di gruppo. E’ prevista la possibilità di portare con sé bambini, anche piccoli, e viene organizzato un servizio di baby-sitting e di animazione.

APPUNTAMENTI IN SEDE PER CONSULTARE IL NOSTRO CENTRO DI DOCUMENTAZIONE

Il Centro di Documentazione ha circa 5.000 volumi e numerose riviste sulle seguenti tematiche: salute, lebbra, riabilitazione su base comunitaria, globalizzazione, rapporti nord-sud, educazione e cittadinanza globale. Sono inoltre presenti filmati e video.

Il materiale può essere consultato per appuntamento in AIFO, ma non è consentito il prestito fuori sede.

 

Le consultazioni si effettuano su appuntamento telefonando al numero: 051 4393211 / 12

15000

sostenitori attivi

5000

volontari

650

soci

40

gruppi

Skip to content